Alimentazione e salute

Si sente sempre più spesso parlare dell'importanza del binomio "alimentazione-salute".

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e tutta la comunità scientifica internazionale concordano sul fatto che un comportamento alimentare corretto è un validissimo strumento di prevenzione e di trattamento per molte malattie.

L’alimentazione, infatti, è uno dei principali fattori che influenzano significativamente la qualità della nostra vita.

Un’alimentazione sana ed equilibrata, accompagnata da un’attività fisica regolare, è la ricetta più semplice e naturale per acquisire o mantenere un buono stato di salute.

Quali sono i rischi di un'alimentazione scorretta?

Quando ci si alimenta in modo scorretto, si dimentica, purtroppo, l’aspetto nutritivo ed il piacere del mangiar sano.

La vita moderna, infatti, ci impone ritmi sempre più serrati dove è sempre più scarso il tempo dedicato alla cucina e alla convivialità dei pasti. Inoltre, un numero sempre crescente di pubblicità di appetitosi quanto dannosi prodotti industriali pre-confezionati ci coinvolge e ci condiziona.

obesità

Le abitudini errate, accompagnate da una sempre crescente vita sedentaria, comportano un aumento del rischio di contrarre patologie quali obesità, diabete mellito, ipertensione, aterosclerosi, infarto miocardico, tumori.

Il dato più allarmante riguarda, purtroppo, l’età evolutiva.

Un recentissimo studio condotto su bambini italiani delle scuole primarie ha evidenziato che il 22,1% dei bambini sono in sovrappeso ed il 10,2% in condizioni di obesità, con percentuali più alte in alcune regioni tra cui la Campania.

E’ perciò di fondamentale importanza seguire sin dall’infanzia uno stile di vita sano, che comprenda un’alimentazione equilibrata ed un’attività fisica quotidiana, per prevenire così lo sviluppo di patologie in età adulta.

Perchè rivolgersi al nutrizionista

Il nutrizionista è il professionista più appropriato al quale rivolgersi per:

  • modificare o eliminare le abitudini alimentari sbagliate che impediscono il raggiungimento o il mantenimento di un buono stato di salute (malnutrizione per eccesso o per difetto, stati di carenza vitaminica o minerale ecc.)
  • prevenire o controllare le patologie legate all’alimentazione (obesità, ipertensione, diabete, dislipidemie, celiachia ecc.)
  • ricevere consigli sulla corretta assunzione degli alimenti in particolare in gravidanza, allattamento, età evolutiva e geriatrica, sport agonistico e non.

Egli, infatti, sa valutare i bisogni energetici e nutritivi della persona e utilizza metodiche e strumentazione idonee al fine di elaborare una dieta ottimale e personalizzata.

Pertanto, l’obiettivo che intende conseguire il nutrizionista è quello di promuovere ed indirizzare verso una corretta alimentazione per il raggiungimento o il mantenimento di un buono stato di salute e di benessere psicofisico della persona

“Da oggi mi metto a dieta…”

dieta restrittivaQuando si parla di dieta, si tende sempre a pensare ad un’alimentazione di privazioni e di sacrifici.
In realtà, il termine "dieta" deriva etimologicamente dal greco e vuol dire “stile di vita”.
La dieta, dunque, va intesa come una sorta di manuale che ci indica il modo giusto di nutrirci in base alle esigenze nutrizionali e alle condizioni di salute di ognuno di noi.

Una dieta è adeguata quando la qualità e la quantità degli alimenti ingeriti sono in misura tale da assicurare il soddisfacimento dei bisogni di energia e di nutrienti, rispettando combinazioni e proporzioni tali da non arrecare rischi per la salute.dieta bilanciata

Pertanto la dieta deve essere:

  • moderata nei consumi
  • varia nella scelta
  • equilibrata nelle quantità.

Poiché non esiste in natura, ad esclusione del latte materno, un alimento completo, cioè capace di fornire da solo tutti i nutrienti necessari all’organismo nelle giuste quantità e nei giusti rapporti, una dieta corretta deve sempre includere tutti gli alimenti in maniera equilibrata.

Spesso, purtroppo, si tende a seguire diete molto drastiche e squilibrate del tipo “fai da te” che, oltre a far riacquistare il peso in poco tempo, possono essere dannose per la salute.

E’, invece, importante che la dieta sia elaborata da professionisti qualificati, che sappiano, attraverso la valutazione dello stato nutrizionale della persona, attuare interventi di riequilibrio nutrizionale annullando gli eventuali scompensi di macro e micronutrienti e fornendo consigli alimentari mirati.

Le diete “fai da te”

Oggigiorno sono sempre più numerose le offerte di svariate tipologie di diete, prodotti erboristici, integratori, che promettono risultati miracolosi.
dieteLa verità è che non esiste un prodotto unico che da solo faccia dimagrire in poco tempo e per sempre, o una dieta che vada bene per tutti!
Ognuno di noi, infatti, ha un proprio dispendio energetico giornaliero, ossia un consumo quotidiano di calorie che si calcola in relazione a vari fattori tra cui il sesso, l’età, la struttura corporea, il tipo di attività lavorativa, l’attività fisica, lo sport.

Quando l’introito calorico, assunto con l’alimentazione, è tale da garantire un apporto adeguato di energia e nutrienti, bilanciando il consumo quotidiano di energie, la dieta si definisce equilibrata.

La dieta si definisce ipocalorica (dimagrante) o ipercalorica quando la quantità di calorie introdotte con la dieta è, rispettivamente, inferiore o superiore alla spesa energetica della persona.

Molte persone oggi sono “spinte” a seguire diete sbilanciate, ossia diete in cui uno dei macro-nutrienti (carboidrati, grassi o proteine) è presente in quantità elevate (es. diete iperproteiche) o ridotte (es. diete ipoglucidiche o ipolipidiche) rispetto ai livelli garantiti dalle diete bilanciate.

Queste diete, in realtà, non possono essere definite tali (nel senso di “stile di vita”) poiché non sono sostenibili per sempre dal nostro organismo, anzi se seguite per periodi prolungati possono comportare rischi, anche seri, alla salute.

effetto yo-yoInfatti, una volta interrotta la dieta, si ritorna quasi sempre alle vecchie abitudini alimentari e quindi al peso originario producendo il cosiddetto “effetto yo-yo”.

La dieta migliore, proposta dai professionisti della salute, comprende l’acquisizione di un comportamento alimentare e di vita salutare, che sia stabile nel tempo, seguendo un’alimentazione varia ed equilibrata ed un'attività fisica regolare, insomma una sorta di vademecum individuale, costruito in base alle proprie necessità energetiche e nutritive.

Coloro che decidono di rivolgersi al nutrizionista saranno dunque motivati a cambiare le abitudini alimentari errate e ad assumere uno stile di vita positivo, dal momento che troveranno giovamento non solo dal punto di vista estetico, ma anche e soprattutto per raggiungere un ottimale livello di salute e benessere.

La dieta mediterranea

Il modello di alimentazione mediterranea, riconosciuto dall’UNESCO come patrimonio culturale immateriale dell’umanità, rispecchia il senso pieno del termine dieta, in quanto è un vero e proprio stile di vita alimentare.

Esso è, in sostanza, un insieme di conoscenze, pratiche e tradizioni, trasmesse di generazione in generazione, che vanno dal paesaggio alla convivialità della tavola, includendo le colture, la raccolta, la pesca, la conservazione, la trasformazione, la preparazione ed il consumo degli alimenti.

piramide alimentare

Fu "scoperta" dal biologo e fisiologo statunitense Ancel Keys, il quale, durante la sua permanenza nel Cilento nel 1945, fu incuriosito dal fatto che nei Paesi del bacino del Mediterraneo vi era una minore incidenza di patologie cardiovascolari rispetto al suo paese d’origine.

Decise allora di studiare l’alimentazione della popolazione locale ed i risultati delle sue ricerche lo portarono alla definzione di “dieta mediterranea” come modello di alimentazione in grado di diminuire il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari e neoplastiche e di aumentare la longevità.


Pertanto la dieta mediterranea rappresenta uno dei modelli di dieta bilanciata considerati validi per mantenere un buono stato di salute, in quanto basata principalmente sul consumo di frutta, verdura, olio di oliva, cereali, legumi e pesce con limitazione del consumo di carni, latticini e grassi saturi.

 

 

Puoi leggere i miei articoli sull'Alimentazione anche sul sito: Sito di Mestieri e Sapori

Giugno 2017
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930
Luglio 2017
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

dott.ssa Gabriella Siciliano - Biologa Nutrizionista
Via Silvio Baratta n. 137 84127 Salerno
Tel n. 089.2963556 - cell. 347.8232362
email : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Iscrizione Ordine Nazionale dei Biologi n. AA_067288
Partita IVA: 05118010650
Le informazioni contenute in questo sito sono solo a scopo informativo.

Powered by RocketTheme and Joomla

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy.